TLC

15 maggio 2012 | 10:37

TELECOM:PROPORRA’ AZIONE RESPONSABILITA’ CONTRO BUORA E RUGGIERO

(AGI) – Rozzano (Mi), 15 mag. – Telecom proporra’ in una prossima assemblea da convocare l’adozione di un’azione di responsabilita’ contro l’ex vice presidente e a.d. Carlo Buora e l’ex a.d. Riccardo Ruggiero per le vicende legate rispettivamente al procedimento Security e all’inchiesta sulle carte Sim prepagate. Lo ha annunciato il presidente Franco Bernabe’, leggendo in assemblea la risposta a una richiesta della Consob. (AGI) Gla (Segue)
(AGI) – Rozzano (Mi), 15 mag. – Il cda ha deciso le azioni di responsabilita’ nella riunione del 9 maggio scorso, quando ha deliberato di porre in essere nei confronti di Buora e Ruggiero un atto interruttivo della prescrizione, che scadrebbe per entrambi il 3 dicembre 2012.
A convincere il cda in questo senso, spiega Bernabe’ anche la sentenza del Gup secondo cui la Direzione Security “non avrebbe agito all’insaputa delle altre funzioni aziendali e dei vertici di Pirelli prima e di Telecom Italia poi, coincidenti nelle stesse persone”.
Sulle schede Sim, invece, Bernabe’ ricorda che il 20 aprile scorso la Procura della Repubblica di Milano ha notificato un avviso di conclusione delle indagini a Riccardo Ruggiero, Luca Luciani, Massimo Castelli e a Telecom Italia. “L’esame della documentazione raccolta dalla Procura – afferma – e’ in corso. Al suo esito e nell’eventuale proseguimento del procedimento penale Telecom Italia assumera’ nello stesso procedimento o in sede civile tutte le opportune iniziative a sua tutela”. L’azione di responsabilita’ verra’ proposta verso Ruggiero, “allo stato non sono state svolte ulteriori valutazioni nei confronti dei destinatari dell’avviso di conclusione delle indagini”.
Esiste infine un terzo fronte, riguardante la vicenda Kroll, sui dati sottratti in Brasile, e i contratti con il consulente Naji Nahas, per cui l’ex presidente, Marco Tronchetti Provera, e’ stato iscritto nel registro degli indagati. Telecom ha avviato un’indagine con il supporto di Deloitte, al termine della quale ha deciso che avviera’ “le iniziative opportune, ivi incluso il possibile esercizio delle azioni di risarcimento verso ex amministratori, nelle forme e con le modalita’ disponibili”