Rai/ Si candida anche il Mago Zurlì. Ticket con Topo Gigio

Cino Tortorella assicura che non vorrà  essere pagato
Roma, 15 mag. (TMNews) – “Non si tratta di uno scherzo, la mia proposta è serissima…”. Un ticket mago Zurlì-Topo Gigio per i vertici Rai. E’ quanto ha affermato Cino Tortorella, classe 1927, alias Mago Zurlì, annunciando al Corriere della Sera la sua autocandidatura alla presidenza o alla direzione generale della Rai.
Mario Monti riceverà  probabilmente oggi stesso, con tanto di regolare raccomandata – si legge sul quotidiano -, una lettera che solo apparentemente può sembrare un gioco: “Egregio presidente Monti, avendo letto la proposta di autocandidatura di Michele Santoro e di Carlo Freccero alla direzione generale e alla presidenza della Rai, ho pensato, forse con un po’ di presunzione, che anch’io potrei avere qualche motivo per avanzare la stessa richiesta. Ho perciò stilato il curriculum che le allego con la speranza di avere qualche probabilità  di essere preso in considerazione”.
Tortorella ha anche indicato Topo Gigio come collaboratore: “Gigio è entrato nel mondo dello spettacolo nel lontano 1959, due anni dopo il sottoscritto, ha partecipato a migliaia di spettacoli in tv e a teatro”. Tortorella ha assicurato infine a Monti che lui e Topo Gigio metteranno tutta la loro esperienza “gratuitamente al servizio della Rai”. Il Mago Zurlì ha spiegato di non voler “ardire a paragonarsi a Michele Santoro ma posso assicurare che ho realizzato programmi molto più gradevoli e intelligenti di quelli di Freccero”. Progetto di fondo: “Ridare alle famiglie italiane la tv dei Ragazzi indecentemente cancellata dalla programmazione Rai”. Tortorella – si legge ancora – ha concluso con una nota ironica: “Se la mia proposta non verrà  presa in considerazione non farò lo sciopero della fame, come minacciato da Freccero, poiché considero troppo importante mangiare. E mangiare bene”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi