CINEMA:CENTO AUTORI,BASTA PROFESSORI PER CENTRO SPERIMENTALE

(ANSA) – ROMA, 18 MAG – Il governo indichi per il Centro sperimentale di cinematografia di Roma “una personalità  di riconosciuta competenza nel mondo dell’audiovisivo”. Lo chiede l’associazione Cento Autori, che lancia il suo appello in vista dell’approssimarsi della scadenza del mandato per l’attuale presidente Francesco Alberoni: si rompa la tradizione “di designare come presidenti docenti universitari”. Il Centro, sottolineano i Cento Autori, “é la ‘fucina creativa’ che forma autori, attori, produttori, montatori, fonici, scenografi e direttori della fotografia del cinema italiano di domani, ed è opportuno che prima di una scelta così delicata il ministro ascolti tutte le associazioni più rappresentative per un confronto sulle finalità  formative del Centro alla luce dei nuovi orizzonti dell’audiovisivo e per riflettere sul modo in cui le risorse finanziarie possano essere ottimizzate rispetto agli obiettivi”. Da sempre, fa notare l’associazione, “il Centro è chiamato a sviluppare un dialogo intenso con chi il cinema lo fa non solo a livello formativo ma anche nella prospettiva di un passaggio naturale dei più meritevoli nel mondo della produzione. Di qui la necessità  di rompere la tradizione, che ha accomunato governi di centrodestra e centrosinistra, di designare come presidenti dei docenti universitari, la cui scarsa conoscenza dell’industria dell’audiovisivo, nelle sue componenti creative e produttive, non può andare nella direzione del ‘laboratorio di eccellenza’ da noi auspicata”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo