Comunicazione, New media

18 maggio 2012 | 16:06

Facebook: previsto rialzo in primo giorno contrattazioni

MILANO (MF-DJ)–Gli analisti prevedono che Facebook dovrebbe registrare buoni guadagni nelle prime ore del suo debutto in Borsa, atteso oggi, tuttavia non e’ semplice stimare quale sara’ la portata del rialzo del titolo a cui assisteranno gli investitori
Le contrattazioni inizieranno attorno alle 17h00 sul listino del Nasdaq. Per la Ipo e’ stato fissato ieri sera un prezzo di 38 usd per azione, corrispondente alla fascia alta del range compreso fra i 34 e i 38 usd. Questa forchetta di prezzo e’ stata gia’ alzata rispetto a quella precedente di 28/35 usd in risposta alla grande domanda degli investitori.
David Menlow, presidente di IPOfinancial.com, non prevede un “grande balzo” del titolo di Facebook. Le previsioni sulle performance del titolo sono numerose, da quelle piu’ drammatiche (tutti venderanno il primo giorno, ipotesi poco probabile secondo l’esperto), a quelle piu’ rosee (un guadagno in percentuale a doppia cifra). “Credo che molti compreranno e terranno il titolo a lungo”, dichiara Menlow, che aggiunge che vorrebbe vedere il titolo chiudere la giornata con un valore di 40/45 usd, prezzo che interpreterebbe come segnale di una valutazione stabile.
Facebook e’ la 18esima Ipo al mondo di quest’anno il cui prezzo e’ stato fissato a un valore superiore rispetto alle attese iniziali, dichiara Dealogic, e se le vecchie esperienze possono essere considerate un indicatore, il titolo dovrebbe segnare un rialzo. Le 17 esperienze precedenti hanno segnato in media un guadagno del 44,8%.
In totale la Ipo prevede la cessione di 421,2 mln di azioni, a fronte delle 337,4 mln di azioni precedenti. Nel caso in cui dovesse essere esercitata l’opzione di over-allotment, in totale le azioni cedute dovrebbero essere 484,4 mln, e dovrebbero generare un totale di 18,41 mld usd. La Ipo di Facebook dovrebbe essere la seconda maggiore di sempre in Usa dopo quella da record di Visa da 19,65 mld usd del 2008.
Se le previsioni non sono sbagliate, l’offerta di Facebook dovrebbe rubare il posto in classifica, come 2* maggiore Ipo statunitense a General Motors, che nel 2010 raccolse 18,14 mld usd.
In termini di valutazione di mercato, al momento del suo debutto, Facebook e’ la maggiore in assoluto, con i suoi 104,1 mld usd, superiore a United Parcel Service, la cui valutazione al momento dell’ingresso sul mercato, nel 1999, era di 67 mld usd. con questa valutazione Facebook sarebbe la 23esima maggiore azienda statunitense in ordine di capitalizzazione di mercato, prima a Amazon.com e Cisco Systems Inc.
In soli otto anni, Facebook e’ arrivato dappertutto, con i suoi oltre 900 mln di utenti al mese. La domanda per le azioni del gruppo e’ stata alta sin dall’inizio per via della posizione dominante di cui gode il sito tra i social network, della sua redditivita’ e della forza del suo marchio. Il sito della societa’ viene usato quotidianamente da milioni di persone che intendono mantenersi in contatto con familiari e amici, ma ha anche svolto un ruolo politico, quando i ribelli in Egitto lo hanno utilizzato per coordinare le proteste che hanno condotto alla caduta del leader del Paese.
Nel 1* trimestre Facebook ha registrato un incremento dei ricavi su base annua del 45% a 1,06 mld usd. L’utile netto ha invece subito una flessione del 12% a 205 mln usd.