BOFFO, PUBBLICAZIONE DOCUMENTI RISERVATI E’ UN FURTO

POL:BOFFO, PUBBLICAZIONE DOCUMENTI RISERVATI E’ UN FURTO
2012-05-19 10:57
BOFFO, PUBBLICAZIONE DOCUMENTI RISERVATI E’ UN FURTO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 19 MAG – “La pubblicazione di documenti riservati, ottenuti tramite un furto, è comunque un furto, è comunque un latrocinio”. Così il direttore di Tv2000 ed ex direttore di Avvenire Dino Boffo, comparso stamane in diretta sulla sua emittente, ha parlato della pubblicazione, nel nuovo libro “Sua Santità ” di Gianluigi Nuzzi, delle sue lettere inviate al Papa a proposito della vicenda che lo aveva coinvolto e di altri documenti riservati. “Siamo nella situazione in cui lettere private scritte al Papa o al suo segretario finiscono sui giornali o nei libri – ha detto -. Questo è un furto in piena regola”. “Se il collega Nuzzi – ha proseguito Dino Boffo – non si è introdotto lui nelle stanze del Vaticano e le ha ricevute da qualcuno infedele alla Santa Sede, allora è un ricettatore. E i ricettatori portano il loro materiale sulle bancarelle, non nei negozi”. Secondo il direttore della tv dei vescovi, la pubblicazione di documenti riservati “é una cosa molto grave, che potrebbe avere ripercussioni sul piano internazionale”. “La fuga di documenti – ha aggiunto -, chiunque l’abbia compiuta, è un latrocinio”. (ANSA).
GR/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari