GIORNALISTI: “SARDEGNA 24” NON PAGA DEBITI, INTERVIENE ASSOSTAMPA

(AGI) – Cagliari, 23 mag. – A quattro mesi dalle cessazioni delle pubblicazioni, i redattori e gli altri dipendenti del quotidiano “Sardegna 24” non hanno ancora notizie sul saldo degli stipendi. La societa’ editrice, nel frattempo, e’ stata messa in liquidazione e le ultime retribuzioni pagate risalgono allo scorso dicembre. L’Associazione della stampa sarda manifesta “piena e totale solidarieta’ ai colleghi lasciati senza stipendio e cassa integrazione” e “ribadisce con forza che i debiti da lavoro non sono trattabili e vanno saldati integralmente”. (AGI) Red/Rob (Segue)
“Sconcerta l’atteggiamento del vecchio e dei nuovi soci che ancora non hanno inteso assumersi la responsabilita’ del disastro imprenditoriale che hanno provocato in soli sette mesi di attivita’ editoriale”, si legge in un comunicato del sindacato dei giornalisti sardi diffuso dopo un’assemblea dei redattori, ai quali l’Assostampa ha assicurato “il sostegno necessario a ogni livello per il recupero dei crediti maturati, seguendo ogni strada percorribile”.
Il quotidiano fin dalla nascita e’ stato diretto dall’ex inviato di “Repubblica” e poi condirettore dell'”Unita’” Giovanni Maria Bellu, che nell’ultimo periodo ne era diventato anche l’editore.
“Dai fondatori del giornale e dai nuovi soci, personaggi non secondari del mondo imprenditoriale e professionale in Sardegna”, conclude la nota dell’Assostampa, “il sindacato dei giornalisti si attende una piena assunzione di responsabilita’ con il saldo immediato di tutti i debiti contratti dalla societa’ editrice con i dipendenti e con gli enti dei giornalisti”. (AGI) Red/Rob

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari