New media

23 maggio 2012 | 11:31

INTERNET: TWITTER E FACEBOOK CAMBIANO MODO DI CREARE RIVOLTE

(AGI) – Washington, 23 mag. – Le proteste pubbliche e le rivolte esistono dall’alba della civilta’ ma l’avvento dei social network ha rivoluzionato completamente la loro dinamica. E’ il parere di John Bohannon, corrispondente di Science che ha seguito da vicino le ultime proteste londinesi e il costante aggiornamento di Twitter che narrava in tempo reale gli avvenimenti. Finora era infatti difficile per un gruppo di persone che non si conoscono tra loro organizzare una protesta pacifica o una rivolta violenta. (AGI) red/mld (Segue)
Grazie a Facebook e Twitter, milioni di persone possono confrontarsi a costo zero, con forti conseguenze su come le rivolte possono nascere e svolgersi. “I social media permettono alle masse di coordinarsi e di comunicare anche a chi non e’ presente, tutto quello che sta succedendo in una manifestazione” ha detto Bohannon. “Un numero sempre maggiori di scienziati sociali sta cominciando a seguire conversazioni di questo tipo online, per cercare di comprendere in che maniera possono influenzare gli eventi della vita reale”. (AGI) red/mld