PIRATERIA: 6 MILIONI UTENTI SCARICANO MUSICA GRATIS DALLA RETE

(AGI) – Milano, 23 mag. – Sono sei milioni gli utenti italiani che scaricano musica dalla Rete con sistemi ‘cyberlocker’, eludendo cosi’ il pagamento dei diritti d’autore. Lo afferma il ‘Digital music report 2012’ dell’Ifpi, l’associazione dell’industria discografica mondiale, presentato stamattina a Milano nel corso di una conferenza su ‘L’innovazione e le nuove frontiere dei media digitali’ a cui ha preso parte anche il presidente della Fimi (la Confindustria dei discografici) Matteo Mazza. I ‘diritti collaterali’ legati all’ascolto di musica in luoghi pubblici valgono “30 milioni di euro”. (AGI) ST4/Cre (Segue)
Il presidente Mazza ha presentato anche i dati dell’ultimo trimestre che registrano incrementi soprattutto nello streaming audio (+117%, in larga parte su You Tube) a fronte di download legali in aumento del 44%. Per gli industriali delle sette note, la sfida “e’ la conversione allo smartphone”, visto che gli utenti italiani di cellulari sono 48 milioni, con 95 milioni di Sim in circolazione. E in questa direzione va la ‘web app’ del gruppo Buongiorno (su cui la giapponese Docomo, tramite la controllata tedesca, ha lanciato un’Opa) che permette di ascoltare sei milioni di brani in streaming sul proprio smartphone, tablet o pc, riprendendo la playlist personale, tra dispositivi diversi, nello stesso punto dove si era fermata l’ultima volta. Il costo del servizio e’ di 3,99 euro a settimana, e la versione Beta e’ disponibile gratuitamente per un massimo di cinque canzoni ogni sei ore. (AGI) ST4/Cre

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi