New media

24 maggio 2012 | 9:17

Usa/ Google autorizzato a diffondere i suoi programmi in Siria

Dalle mappe di Google Earth al browser Chrome

Washington, 23 mag. (TMNews) – Il colosso di internet Google ha annunciato di aver ricevuto l’autorizzazione delle autorità  americane a rendere accessibili in Siria la maggior parte dei suoi programmi, le mappe di Google Earth, il browser Chrome e l’ applicazione per le foto Picasa.
“La libertà  di espressione è un diritto umano fondamentale e un valore essenziale per la nostra impresa, ma a volte ci sono limiti in merito ai posti dove possiamo rendere accessibili i nostri prodotti e servizi”, ha spiegato un responsabile di Google incaricato di queste questioni, Neil Martin, sul blog dell’azienda, “I programmi americani di controllo delle esportazioni e delle sanzioni, ad esempio, ci proibiscono di proporre la teletrasmissione di alcuni dei nostri prodotti in alcuni Paesi”.
Lo scorso anno scorso Google aveva reso gli stessi programmi accessibili in Iran, bloccando tuttavia l’accesso ai computer governativi. Questo annuncio arriva mentre l’amministrazione americana è impegnata in una campagna di promozione della libertà  on line in tutto il mondo, pur vegliando a limitare la detenzione con regimi repressivi di programmi o di materiali che permettono di filtrare o sorvegliare l’informazione che circola su internet.
In Siria, gli oppositori al regime ricorrono ad esempio ai social network come Facebook e YouTube per garantire una maggiore mobilitazione. Ma il regime di Bashar al Assad ha spiegato un’unità  speciale, ribattezzata “esercito elettronico siriano”, per garantire la diffusione di commenti favorevoli nei siti anti Assad.