New media

29 maggio 2012 | 11:44

Iran/ Teheran: realizzato antivirus contro ‘cyber-arma’ Flame

Agenzia Fars: virus usato contro Iran, Israele, Siria, Egitto
Teheran, 29 mag. (TMNews) – L’Iran è riuscito a produrre un antivirus capace di individuare e distruggere ‘Flame’, il virus informatico utilizzato come “cyber-arma”. Lo ha annunciato oggi il Centro di coordinamento iraniano per la lotta contro gli attacchi informatici in un comunicato pubblicato sul suo sito web.
Il Centro Maher, che risponde al ministero delle telecomunicazioni, è “riuscito a identificare il virus Flame, quindi a produrre un anti-virus capace di identificarlo ed eliminarlo”. Questo anti-virus “è a disposizione degli organi e delle amministrazioni che ne faranno richiesta”, si legge ancora nella nota, in cui non si precisa quando sarebbe stato individuato il virus nè quali danni avrebbe già  fatto al Paese. Citando il centro Maher, oggi l’agenzia di stampa Fars ha fatto sapere che Flame è “responsabile di furto di informazioni su vasta scala avvenuto nelle ultime settimane”, senza però precisare nè il tipo di dati trafugati nè dove sarebbero stati rubati.
Ieri, i ricercatori della ditta di sicurezza russa Kasperky Labs hanno annunciato di aver identificato Flame come un nuovo virus da spionaggio informatico con potenzialità  distruttive senza pari, che sarebbe stato utilizzato come una “cyber-arma” contro diversi Paesi non identificati. Oggi Fars ha riferito che il virus è “particolarmente attivo” in Iran, Sudan, Siria, Israel, Arabia Saudita ed Egitto.
Sempre l’azienda russa ha dichiarato che Flame sarebbe “venti volte più potente di Stuxnet”, individuato nel 2010 e utilizzato in particolare contro il programma nucleare iraniano.