INTERNET: TF1 PERDE CAUSA CONTRO GOOGLE SU YOUTUBE

(ANSA) – PARIGI, 30 MAG – TF1, una delle principali emittenti francesi, ha perso il processo di primo grado contro Youtube, di proprietà  di Google, per violazione del copyright. La tv francese “riflette adesso all’opportunità ” di passare in appello. In particolare, il tribunale di Parigi non ha accolto la richiesta della tv privata francese, che chiedeva 150 milioni di euro alla piattaforma di video on-line. Al contrario, i giudici hanno condannato TF1 a versare 80.000 euro a Youtube per le spese giudiziarie. Nel 2008,il gruppo televisivo si era rivolto alla giustizia dopo che Youtube aveva messo on-line la serie tv ‘Heroes’, ma anche una intervista a Mylene Farmer, un commento del giornalista Christophe Barbier, alcuni estratti della serie ‘Grey’s anatomy’ e uno spettacolo dell’umorista Gad Elmaleh, diffusi da TF1. Il gruppo televisivo accusava Youtube, tra l’altro, di concorrenza sleale e parassitaria. Su questo punto, il tribunale ritiene che “nessuna perdita nelle vendite dei video può essere dimostrata, in particolare, per la diffusione dei telegiornali o di reality show che non vengono venduti in Dvd”. Inoltre, “la visione di video accessibili sul sito della società  Youtube dura solo qualche minuto, ciò che inpedisce di poter vedere un episodio della serie o trasmissioni periodiche in una sola volta come fosse un Dvd o un video on demand”. TF1 accusava anche Youtube di contraffazione dei marchi TF1 e LCI (il canale all news dell’emittente). Ma per il tribunale “non è dimostrato che la società  Youtube faccia un uso commerciale di questi marchi per i propri prodotti o servizi”. Da parte sua, Youtube ha espresso grande soddisfazione per questa sentenza. Ricorsi analoghi sono stati presentati contro Youtube anche in Italia, da Mediaset,in Germania da Peterson e in Spagna da Telecinco. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi