TV: AI TELERATTI DOMINANO LE DONNE, PREMI A D’URSO E BELEN

IL GRANDE FRATELLO PEGGIOR PROGRAMMA DELL’ANNO

(ANSA) – ROMA, 31 MAG – Grande predominio delle donne per i Teleratti, il premio alla peggiore tv organizzato dal sito www.davidemaggio.it. I verdetti sono stati raggiunti dopo le nomination della giuria di qualità  e le votazioni degli internauti della ‘spietata’ Web Academy. Belen Rodriguez si è aggiudicata due premi come ‘Prezzemolino dell’anno’ e per ‘Le ultime parole famose’ con un’intervista al Tg5 (“Per la prima volta non dirò un bel niente della mia vita privata perché comunque non giova”). Si conferma ai vertici Barbara D’Urso (trionfatrice lo scorso anno), personaggio peggiore dell’anno, per ‘Baila!’, flop dell’anno e per ‘Pomeriggio Cinque’, peggior programma di informazione e cultura. Premiati anche ‘Domenica Cinque’ di Federica Panicucci (peggior programma del daytime), ‘Simona Goes to Hollywood’ di Simona Ventura (NanoRatto, peggior programma su reti all digital-satellitari) e ‘Tamarreide’ di Fiammetta Cicogna (peggior programma di intrattenimento). Ha vinto il titolo di peggior fiction la miniserie ‘Barbarossa’ e Valerio Scanu ha trionfato in due categorie, ‘Scostumato dell’annò, ovvero il peggior vestito, e ‘Twitteratto’ (peggior vip su Twitter). Anche 7Gold si è aggiudicato un TeleRatto per il peggior programma sportivo con ‘Il Processo di Biscardi’. Il vincitore del TeleRattone 2012, il peggior programma dell’anno, è andato al Grande Fratello di Alessia Marcuzzi. Il peggior momento tv, cioé i cinque minuti da dimenticare, se li é aggiudicati Pupo con la sua performance con Adriano Celentano al Festival di Sanremo. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi