Cinema: i film più attesi di giugno

(ASCA) – Roma, 1 giu – Nel week end saranno quattro i film piu’ attesi: ”Killer Elite” con Jason Statham, Robert De Niro, Clive Owen, ”Marilyn” con Michelle Williams, Emma Watson, Kenneth Branagh, Judi Dench, ”Viaggio in paradiso” con Mel Gibson e ”Lorax – Il guardiano della foresta” con le voci di Danny DeVito e Marco Mengoni, ma giugno riservera’ molte sorprese. Prevista per l’8 giugno l’uscita di ”W.E. Edward e Wallis” di Madonna con James D’Arcy, Abbie Cornish, Oscar Isaac,Katie McGrath che sfidera’ ”La mia vita e’ uno zoo” di Cameron Crowe con Matt Damon e Scarlett Johansson. Tornera’ al cinema ”La carica dei 101” nella versione digitale 2D dal 9 al 10 giugno e ”La bella e la bestia” in 3D dal 13 al 28 giugno Il 15 giugno l’Italia con ”Paura” in 3D dei Manetti Bros sfidera’ ”Il dittatore” con Sacha Baron Cohen, Megan Fox, Anna Faris, John C. Reilly. Il 20 giugno sfida tra ”Rock of ages” con Tom Cruise, Russell Brand and Paul Giamatti e ”Chernobyl Diaries – La mutazione” di Brad Parker con Devin Kelley, Jonathan Sadowski, Ingrid Bolso Berdal, Olivia Taylor Dudley, Jesse McCartney, Nathan Phillips e Dimitri Diatchenko. Il 22 giugno usciranno ”Chef” con Jean Reno e ”La Cosa – The Thing” con Mary Elizabeth Winstead, Joel Edgerton, Ulrich Thomsen, il 26 giugno arrivera’ in sala il documentario sulla vita di Bob Marley dal titolo ”Marley” di Kevin Macdonald , il 29 ”Il cammino per Santiago” di Emilio Estevez con Martin Sheen. Chiudera’ le uscite di giugno ”Cenerentola” in sala dal 30 giugno al 1 luglio attendendo l’uscita di ”The Amazing SpiderMan” 3D prevista per il 4 luglio.
cm/sam/rob

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo