Cinema/Lavoratori Cinecittà  Studios: No allo smantellamento

Bianchini (Prov. Roma): In gioco settore fondamentale economia

Roma, 6 giu. (TMNews) – Sos alla Provincia di Roma dai lavoratori di Cinecittà  Studios e Cinecittà  Digital Factory per le dismissioni produttive, la paventata esternalizzazione delle scenografie negli studi ex De Laurentis e lo smembramento della Post produzione, dello Sviluppo e della stampa. Stamattina a Palazzo Valentini la Commissione provinciale Lavoro, presieduta da Paolo Bianchini, ha incontrato i rappresentanti sindacali Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil e le Rsu.

“A distanza di circa due anni dal piano che prevedeva la costruzione di alberghi e centri commerciali negli studi di Cinecittà  – hanno spiegato i rappresentanti sindacali durante l’incontrp – I.E.G. (Italian Entertainment Group) torna alla carica con un progetto di smantellamento per le due aziende di produzione e post-produzione cinematografica. C’eravamo opposti a quel piano e ci opponiamo a questo. Ci troviamo davanti alla volontà  di immiserire un simbolo prestigioso della storia della produzione cinematografica, di portare avanti in parallelo lo svuotamento delle funzioni produttive e l’operazione immobiliare.
Per questo lanciamo il nostro appello a tutte le istituzioni”.

“Convocheremo immediatamente la proprietà  – ha detto Bianchini – per avere un confronto diretto circa le reali intenzioni sul futuro di un sito produttivo unico nel panorama della cinematografia mondiale. In questi giorni – ha ribadito – non sono in gioco soltanto i posti di lavoro ma un settore fondamentale dell’economia romana come l’abbiamo conosciuta dagli anni 40 ad oggi. La Provincia farà  la sua parte ma è chiaro che serve il coinvolgimento di tutte le istituzioni e l’appello è che anche il mondo del Cinema cresciuto in quegli Studi, faccia sentire la sua voce. Non si tratta di di difendere solo un polo produttivo. Nell’immaginario internazionale Cinecittà  è dove si fa il Cinema ed è così che deve continuare ad essere”.

Red/Sav

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo