Editoria: Introna, difficolta’ emittenza locale non cadano su lavoratori

(ASCA) – Bari, 7 giu – ”Non lascerò inascoltato l’allarme lanciato dai giornalisti dell’emittenza televisiva sul momento difficile per le aziende, che ricade sulla situazione occupazionale di cronisti, tecnici e dipendenti”. Il presidente del Consiglio regionale della Puglia, Onofrio Introna, anche nella sua qualita’ di referente per la comunicazione della Conferenza dei Parlamenti regionali, condivide le preoccupazioni per il futuro dell’informazione radiotelevisiva locale, che rischia un pesante arretramento, come lamentano i sette delegati sindacali firmatari di un documento in occasione del Congresso dei giornalisti dell’Associazione della stampa di Puglia. ”All’appello rivolto alla Regione, rispondo ribadendo quanto dichiarato nel mio intervento durante i lavori, con la disponibilita’ a valutare insieme ipotesi di sostegno”. Per Introna, ”la priorita’ di qualsiasi iniziativa istituzionale nella comunicazione radiotelevisiva deve restare il rafforzamento, e quindi almeno il mantenimento, dei livelli occupazionali”. Non puo’ passare inosservata, percio’, la denuncia dei giornalisti, che segnalano i licenziamenti annunciati da un grande gruppo locale, la cassa integrazione in deroga applicata da altri e i tagli che minacciano il personale di un’antenna barlettana, in arretrato di diverse mensilita’ e gia’ penalizzati dal ”mancato accordo sulla cig’. Quanto al ”severo e costante controllo di tutti i finanziamenti e contributi’ erogati dal Corecom Puglia alle emittenti private, ”posso rassicurare i sottoscrittori del documento – conclude il presidente del Consiglio regionale – che il Comitato ha sempre operato nel pieno, rigoroso e trasparente rispetto delle norme e continuera’ a farlo”.
com-rus /com-rus /com-rus

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari