Televisione

11 giugno 2012 | 11:21

MURDOCH: LORD LIBDEM, MINISTRO HUNT DOVEVA DIMETTERSI

(ANSA) – LONDRA, 11 GIU – Il ministro della cultura Jeremy Hunt avrebbe dovuto dimettersi quando è emerso il suo ruolo nell’affare BSkyB: lo afferma Lord Oakenshott, un LibDem e un alleato di Vince Cable, il ministro delle attività  produttive che fu esautorato a favore di Hunt del dossier relativo all’acquisto da parte di News International della totalità  delle azioni della piattaforma di pay-tv. “Rupert Murdoch non è mai stato trattato come una qualsiasi altra organizzazione commerciale. E’ chiaro che Hunt avrebbe dovuto dimettersi e non si vede, dopo quel che è uscito alla Commissione Leveson, come un ministro che ha rispetto per se stesso possa continuare ad andare avanti allo stesso modo”, dice Oakenshott su Channel 4. Cable era stato messo da parte dopo aver detto che “aveva dichiarato guerra ai Murdoch”, ma Hunt, prima di essere investito del dossier BSkyB, aveva fatto sapere al primo ministro David Cameron di essere favorevole all’affare. “Temo che l’intera vicenda non deponga bene sul buon senso di Cameron”, commenta Oakenshott nel corso del programma Dispatches in onda stasera. (ANSA).