Rai/Cisl:Primo segnale positivo associazioni in cda ma non basta

Furlan: Si apra una discussione trasparente e costruttiva

Roma, 14 giu. (TMNews) – “La Cisl valuta come un fatto positivo che per il nuovo consiglio d`amministrazione della Rai si stia pensando di valorizzare e di coinvolgere alcune espressioni della società  civile. Ma questo certamente non basta”.
Lo sostiene in una nota il segretario confederale della Cisl, Annamaria Furlan, responsabile del dipartimento dei servizi e delle telecomunicazioni.

“Questo primo segnale positivo non può limitarsi alle scelte, pur apprezzabili, di una formazione politica, ma deve diventare per la Cisl il carattere strutturale della riforma della “governance” della Rai, attraverso un coinvolgimento pieno negli organismi d`indirizzo e di controllo di tutte le espressioni della società  civile, in modo da valorizzare proprio la ricchezza ed il pluralismo culturale del mondo associativo del nostro paese”.

“Proprio per questo – aggiunge la Furlan – la Cisl si adopererà  nelle prossime giornate perchè sul tema della riforma della governance Rai si apra una discussione trasparente e costruttiva tra tutti gli interlocutori, al fine di coinvolgere il sindacato confederale nel rilancio del ruolo fondamentale del servizio pubblico radiotelevisivo”.

red-eco

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari