CINEMA: DA RENZI CITTADINANZA ONORARIA DI FIRENZE A BENIGNI

(AGI) – Firenze, 15 giu. – Il sindaco di Firenze ha consegnato oggi a Roberto Benigni la cittadinanza onoraria. La cerimonia, si legge nel sito del comune di Firenze, si e’ svolta nel Salone dei Cinquecento nel corso di un Consiglio comunale straordinario dedicato a Roberto Benigni, aperto dal presidente del Consiglio Eugenio Giani. Presenti, oltre alle autorita’, anche moltissimi cittadini e rappresentanti di associazioni. L’attore e regista e’ gia’ cittadino onorario di Firenze dal 1999, quando gli fu conferito il riconoscimento dopo la vittoria dell’Oscar per ‘La vita e’ bella’. Red/Mav (Segue)
Oggi il sindaco Matteo Renzi gli ha consegnato formalmente l’onorificenza. ‘E’ bello – ha detto il sindaco Renzi – che cittadinanza e onore stiano insieme, e questo la consegna del riconoscimento a Benigni deve servire a tutti noi per riflettere su questo. Essere cittadini significa voler bene a una citta’, dire ‘io’ ma dire anche ‘noi’: Benigni e’ cittadino onorario di Firenze perche’ ci ha aiutato a essere cittadini personificando il noi’. ‘Una citta’ e’ bella – ha proseguito Renzi – se insegna ed educa e anche per questo Benigni e’ cittadino di Firenze’. Il sindaco ha poi consegnato formalmente la cittadinanza a Roberto Benigni. L’attore ha ringraziato di ‘poter essere cittadino di Firenze e concittadino della nascita di tutta l’arte moderna’. ‘Se ho fatto quello che ho fatto – ha detto Benigni – e’ stato grazie a voi. Sono tutte qui le mie zolle e scintille di bellezza’.(AGI) Red/Mav

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo