RAI, MEDIASET E APT ANNUNCIANO GIURIA PREMIO BIXIO

ROMA (ITALPRESS) – Rai, Mediaset e APT, promotori del premio per la sceneggiatura intitolato a Carlo Bixio, rappresentati da Bianca Maria Pontillo per Rai, Giancarlo Scheri per Mediaset e Chiara Sbarigia per APT, annunciano i giurati del premio: sono i registi Riccardo Milani e Francesco Vicario e gli sceneggiatori Ivan Cotroneo e Sandro Petraglia. I quattro professionisti hanno contribuito al successo di molte produzioni legate al produttore recentemente scomparso (“I Cesaroni”, “Tutti pazzi per amore”, “Un Posto tranquillo”, “Sissi”, “Compagni di scuola”).
A loro si affiancano il Capo Struttura Rai Fiction Eleonora Andreatta e il Capo Area Fiction di Mediaset Francesca Galiani.
Presiede la Signora Gabriella Campenni’ Bixio.
Il premio di 15.000 euro e’ destinato agli “Under 40” e ha lo scopo di incoraggiare i giovani talenti e lanciare nuovi sceneggiatori.
Antonio Marano, Vicedirettore generale per il coordinamento dell’offerta radiotelevisiva Rai, che per primo ha pensato a dedicare un premio a Carlo Bixio, ha dichiarato: “Ci sono tanti premi interessanti e degni di nota nel campo del cinema e della fiction. E questo, nelle nostre intenzioni, vorrebbe essere non solo un premio per ricordare Carlo Bixio ma anche qualcosa che segni una linea di continuita’ con il suo innovativo operato: uno sguardo in avanti verso nuovi talenti ancora non emersi, come i tanti che Carlo ha scoperto e fatto crescere”. Giancarlo Scheri, Direttore Fiction Mediaset, ha inoltre ricordato che: “Carlo Bixio era un grande innovatore. E amava ripetere che uno dei compiti principali di produttori e broadcaster e’ quello di far crescere nuovi talenti, soprattutto nel campo della sceneggiatura. Sono certo che questo premio nato in suo nome aiutera’ il mondo della fiction a trovare gli sceneggiatori del futuro”.
Tutte le informazioni sono reperibili sui siti www.rai.it, www.mediaset.it, www.apt.it e sulle pagine facebook di Mediaset.
(ITALPRESS).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Liberare le frequenze sopra i 700 Mhz entro il 2020 dai segnali tv. Le mosse dell’Unione Europea per apire il mercato al 5G