TLC

16 giugno 2012 | 13:13

VODAFONE: VARA QUARTIER GENERALE ITALIA,INVESTIMENTO 300 MLN

ECO:VODAFONE
2012-06-16 13:34
VODAFONE: VARA QUARTIER GENERALE ITALIA,INVESTIMENTO 300 MLN
MONTI, INIZIATIVA CONTEMPORANEAMENTE ITALIANA,EUROPEA E MONDIALE
MILANO
(ANSA) – MILANO, 16 GIU – Vodafone Italia inaugura il nuovo quartier generale alla presenza del presidente del consiglio Mario Monti. Con oltre 300 milioni di euro di investimento, il complesso eco-tecnologico di 67.000 metri quadri, che ospita i circa 3.000 dipendenti Vodafone di Milano, è il principale investimento di real estate del colosso di telecomunicazioni britannico. “E’ un grande piacere, da milanese e da italiano, essere qui per vedere questo salto in avanti realizzato con un entusiasmo vitale” da Vodafone, ha commentato Monti. Si tratta di “un’iniziativa che è contemporaneamente italiana, europea e mondiale”, ha proseguito il premier. Parole di soddisfazione sono arrivate anche dal sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, che ha detto: “Oggi Milano ha un gioiello in più, che arricchisce la nostra città  e l’Italia intera. E’ un segnale anche al sindaco e all’amministrazione per accelerare i tempi, visto che la burocrazia spesso rallenta” le costruzioni. L’amministratore delegato di Vodafone Italia, Paolo Bertoluzzo, ha poi sottolineato che “Vodafone Village è un investimento per il futuro. Per un gruppo come Vodafone si è trattato di un investimento importante, essendo un’azienda che investe ogni anno un miliardo di euro in Italia. Il nuovo quartier generale – ha aggiunto – nasce dalla riqualificazione di un’area industriale dismessa e diventa un segnale tangibile di fiducia nel futuro, a testimoniare l’impegno a lungo termine di Vodafone in Italia, il suo contributo alla crescita del Paese”. Sul palco è salito poi il numero uno di Vodafone mondo, Vittorio Colao, che ha avuto modo di ricordare come il colosso delle tlc abbia “raggiunto leadership in Italia con 20 miliardi di investimenti di cui 5 che sono finiti nelle casse dello stato e 15 in tecnologie. Noi – ha aggiunto – oggi non ci saremmo stati se non ci fosse stata l’Europa e l’Autorithy alla concorrenza, che ci ha permesso di essere liberi in Italia davanti all’ex monopolista”. Infine, un riferimento indiretto a Monti, quando Colao ha detto: “Tutto questo non sarebbe stato possibile senza una persona che avesse creduto fortemente nella concorrenza”.(ANSA).
NIC/ S0A QBXB