TLC

18 giugno 2012 | 9:26

Tlc: Schloter, per Ngn e’ meglio il piano Telecom

ROMA (MF-DJ)–Carlsten Schloter, numero uno di Swisscom, incumbent svizzero che controlla Fastweb, si schiera con Telecom I. nella diatriba con Cdp-Metroweb sulla rete di nuova generazione. Una posizione che sorprende, se si considera che Swisscom controlla l’11% di Metroweb.
In un’intervista al CorrierEconomia, supplemento economico settimanale del Corriere della Sera, il manager del gruppo svizzero premette che “in Italia dobbiamo distinguere tra cio’ che viene annunciato e cio’ che si fara’ realmente”, perche’ negli anni “la sola societa’ che ha investito sulla fibra e’ Fastweb: 6 mld di cui 2,5 da quando siamo entrati noi. E nei prossimi tre anni investiremo un altro miliardo”. Inoltre “non stiamo vendendo ne’ Fastweb ne’ la nostra infrastruttura”.
Schloter ritiene poi che “una duplicazione della Ngn non ha senso”, ed inoltre l’Italia “deve recuperare il ritardo e ha bisogno di essere il piu’ pragmatica possibile. Questo vuol dire usare l’infrastruttura esistente ed evitare qualunque duplicazione anche alla luce delle risorse limitate”. Swisscom appoggia il piano di Franco Bernabe’, “il progetto di collegare 100 citta’ e 7 mln di case e’ credibile, ma deve essere vincolante”. Per Schloter, “Metroweb e’ un buon esempio di apertura della rete esistente agli altri operatori” e Milano e’ “un esempio eccellente di come si puo’ usare un’infrastruttura gia’ esistente al meglio”.