Televisione

18 giugno 2012 | 13:40

RAI: UGL, NOMINARE IN CDA UN RAPPRESENTANTE DEI DIPENDENTI

(AGI) – Roma, 18 giu. – Riconoscere ai lavoratori Rai “il diritto a collaborare alla gestione delle aziende come previsto dall’art. 46 della Costituzione della Repubblica insieme ad un rigoroso rispetto dei requisiti di indipendenza e merito”. Lo ribadisce il vice segretario nazionale dell’Ugl Telecomunicazioni, Fabrizio Tosini, in vista del rinnovo del Cda, chiedendo “rispetto per le lavoratrici e i lavoratori Rai”.
Tosini ripropone quindi le proposte dell’Ugl contenute nella lettera inviata al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, al premier Mario Monti e al presidente della Commissione di Vigilanza Sergio Zavoli.
Per il sindacalista “c’e’ chi chiede di cambiare un’altra volta le regole, dimenticando che queste regole fino ad oggi non sono state rispettate. Stiamo solo assistendo ad un rimpallo di responsabilita’ sulle scelte che sono state portate avanti negli anni. Ora e’ il momento di cambiare: invece di individuare solo terze persone a capo del servizio pubblico, perche’ non prendere in considerazione l’idea di individuare un rappresentante dei lavoratori come componente del nuovo Consiglio di amministrazione Rai? Non dobbiamo dimenticare, infatti, la professionalita’ di chi lavora che ha permesso all’azienda di andare avanti fino ad oggi. Lavoratori ed utenti hanno bisogno di chi del servizio pubblico ha una profonda conoscenza”. Il termine per la presentazione o proposta di candidature in sede di commissione di Vigilanza Rai scade oggi alle 21. L’apertura del seggio elettorale per la nomina dei 7 componenti del Cda Rai di pertinenza della commissione parlamentare e’ gia’ fissata per giovedi’ 21. (AGI)