TV: CODACONS, METTERE UN ‘TETTO’ ALLE REPLICHE ESTIVE

(AGI) – Roma, 18 giu. – “Sono tornate, implacabili, le repliche televisive. La conferma definitiva e’ arrivata ieri alle ore 18, quando su Raiuno e’ stato trasmesso ‘Il Commissario Rex’, in onda ininterrottamente dal 1997 con gli stessi identici episodi, dato che la serie originale si interrompe con la decima stagione nel 2004 ed e’ trasmessa in Italia nel 2006”. Lo rileva il Codacons, che chiede “un tetto” alle repliche estive. “Pure su Raidue – aggiunge l’associazione – abbondano le repliche di telefilm, anche se, in questo caso, sono almeno piu’ recenti o non sono repliche di repliche al quadrato (“The good wife”). Non certo migliore e’ la situazione sulle reti Mediaset, dove imperano le repliche del detective Monk, trasmesse gia’ nei sabati della stagione appena trascorsa, o l’immancabile ‘Distretto di polizia’. Il Codacons “non pretende, essendo finito il periodo di garanzia, che ricomincino in estate le prime visioni tv delle serie famose”, ma chiede “almeno un tetto alle repliche”. Possibile, si chiede l’associazione, “che ci siano soli telefilm (un bel film, no?)? Possibile che ci debbano essere riproposti gli stessi identici episodi gia’ trasmessi nell’inverno scorso? Non possono almeno propinarceli con periodicita’ triennale, cosi’ da farci almeno dimenticare come vanno a finire? Se a questo si aggiunge che anche tutti i “nuovi” canali digitali, da Rai premium a La 5, hanno sempre trasmesso esclusivamente repliche 24 ore su 24, ci si interroga se sia il caso di concedere a Rai e Mediaset tutti quei canali digitali? Se tanto mi da’ tanto – conclude il Codacons – chissa’ cosa ci aspettera’ in pieno agosto, quando le repliche raggiungono solitamente il loro punto massimo”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi