Wikileaks/ Assange rifugiato in ambasciata Ecuador a Londra

Australia promette il suo aiuto
Londra, 20 giu. (TMNews) – Ancora un colpo di scena per il “caso Assange”, il fondatore di Wikileaks, che si è rifugiato ieri nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra e ha chiesto asilo politico al paese latino-americano. “Confermo che sono arrivato oggi all’ambasciata dell’Ecuador dove ho chiesto appoggio diplomatico e asilo politico. La mia domanda è stata trasmessa al ministero degli Esteri di Quito”, ha dichiarato Julian Assange.
Il Foreign Office ha confermato la notizia, precisando in un comunicato che “considerata la sua presenza nell’ambasciata ecuadoregna, Assange si trova in territorio diplomatico, fuori dalla portata della polizia”. “Cerchiamo di risolvere questa situazione il più velocemente possibile con le autorità  di Quito”, aggiunge il ministero.
Dal giorno del suo arresto, l’australiano, 40 anni, è sottoposto a un regime di libertà  vigilata con un braccialetto elettronico e l’obbligo di presentarsi regolarmente a un commissariato. La Corte Suprema britannica ha concesso la sua estradizione verso la Svezia dove dovrebbe rispondere ai giudici nel quadro di un’inchiesta per stupro.
Il primo ministro australiano, Julia Gillard, ha assicurato stamane ad Assange l’assistenza consolare del suo Paese e ha ribadito l’opposizione alla sua estradizione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi