TLC

22 giugno 2012 | 8:39

Ngn: Passera in pressing su Telecom I.

MILANO (MF-DJ)–Passera alla carica sulla rete unica. Il ministro per lo Sviluppo economico, in un’audizione ieri alla Camera, si e’ soffermato sulla questione degli investimenti in fibra ottica da parte di Telecom I. e Metroweb, la societa’ di F2i in cui dovrebbe entrare anche il Fondo strategico della Cassa depositi e prestiti. “Vedo con favore ogni investimento che permetta lo sviluppo dell’infrastruttura per le reti di nuova generazione: sia quelli annunciati da Telecom I. che quelli di altri, come Metroweb, vanno nella giusta direzione. Ma e’ auspicabile che ci sia la massima sinergia”. Pur ricordando che lo spazio di manovra del governo e’ necessariamente limitato dalle prerogative di liberta’ d’impresa, scrive MF, il responsabile dello Sviluppo non ha girato attorno alla questione: “sarebbe uno spreco fare una doppia rete”. Ma proprio sulle possibilita’ di collaborazione con Metroweb, Telecom ha gia’ dimostrato piu’ di una perplessita’. Perplessita’ ribadite qualche giorno fa dall’a.d. Marco Patuano, in risposta alle sollecitazioni arrivate dal presidente della Cdp Franco Bassanini. “Esistono zone dove e’ conveniente la fibra fino alle case”, e allora “ben vengano le collaborazioni con Metroweb e con la Cdp sia a livello locale sia strutturale”, ha detto il manager, ma se l’impostazione di Bassanini e’ “fibra nelle case oppure nulla, collaboreremo solo nelle aree a maggiore densita’”. Ma ieri Passera, che annunciato anche lo stanziamento di 700 milioni di fondi europei contro il digital divide, e’ tornato a chiedere “che alcuni investimenti di base siano messi a uso comune. Non possiamo chiedere alla Cdp di intervenire in luoghi di fallimento di mercato, perche’ sarebbe fuori dalla sua gestione. Ma in tanti modi, e non in un unico modo, credo che nell’andare a coprire il territorio con un servizio importante come quello di broadband l’Italia ce la fara’”. alb