Televisione

22 giugno 2012 | 10:44

TV: DA LA7 OFFERTA SUPER A SANTORO, MA LA FIRMA NON C’E’

NON TORNA PROGRAMMA NUZZI; RAI, BATTAGLIA PER MAGGIORANZA IN CDA

(di Michele Cassano) (ANSA) – ROMA, 21 GIU – Un’offerta che non si può rifiutare. Così TI Media avrebbe convinto Michele Santoro a passare su La7 nella prossima stagione, anche se con il conduttore di ‘Servizio Pubblico’ non è mai detta l’ultima parola. L’azienda condotta da Giovanni Stella, nonostante le difficoltà  economiche e l’annuncio della vendita da parte di Telecom, avrebbe messo sul piatto una cifra notevole, strappando un accordo verbale al giornalista, ma la firma non ci sarebbe ancora e i contatti con Sky non sarebbero stati interrotti. Santoro fornirebbe un programma prodotto dalla sua Zerostudiòs, che si alternerebbe il giovedì sera con ‘Piazzapulita’ di Corrado Formigli. Non però metà  stagione a l’uno e metà  all’altro, ma periodi di alternanza più brevi. I dettagli si sapranno il 5 luglio, giorno della presentazione dei palinsesti di La7. Per ora l’assenza di una firma lascia ancora dubbi e c’é chi sospetta che Santoro non voglia precludersi la possibilità  di tornare alla Rai, approfittando della casella ancora libera il giovedì sera su Rai2, che fu di Annozero, dove figura un programma informativo senza conduttore, e puntando sul cambio dei vertici di Viale Mazzini. Le trattative, in vista del voto di martedì prossimo in Commissione di Vigilanza Rai per il rinnovo del consiglio di amministrazione, sono in corso. Il Pdl punta ad eleggere quattro consiglieri, il Pd ne dovrebbe ottenere due e il Terzo Polo uno. I democratici stanno però tentando di convincere l’Idv a presentarsi al voto per strappare un consigliere al centrodestra, che sarebbe diviso al suo interno. Antonio Di Pietro ha annunciato la scelta di non votare, per protesta contro le logiche spartitorie, ma nel suo partito non tutti sono d’accordo. Il capogruppo in Vigilanza, Pancho Pardi, ha inviato una lettera all’ufficio di presidenza del suo partito spiegando che l’Idv non può prendersi la responsabilità  di consegnare la maggioranza del consiglio al centrodestra e difendendo la scelta del Pd di rivolgersi alle associazioni. Insomma le prossime mosse diranno quale vento soffierà  sul servizio pubblico. Tutti stanno a guardare e starebbe a guardare anche Santoro, che a La7 però attendono. “Posso solo augurarmi che venga – afferma Gad Lerner -. Anche l’anno scorso quando i colloqui si interruppero, pronosticai che il suo approdo naturale sarebbe stato La7. Non sono al corrente della trattativa, posso solo augurarmi che vada in porto”. Lerner tornerà  il lunedì con ‘L’infedelé: il contratto per la prossima stagione è stato da poco firmato. Non così Gianluigi Nuzzi: “A settembre gli Intoccabili non torneranno in onda su La7. Mi dispiace”, ha annunciato su Twitter il giornalista, ultimamente al centro della scena per le sue rivelazioni sul Vaticano raccolte nel libro ‘Sua Santita”. Nuzzi ha poi precisato che “al momento La7 non ha rinnovato l’edizione autunnale degli Intoccabili”, lasciando quindi aperta la strada ad un ritorno in futuro del format.(ANSA).