WikiLeaks/Assange chiede garanzie: Non consegnatemi a Usa

Disposto ad andare in tribunale in Svezia ma vuole rassicurazioni

Roma, 25 giu. (TMNews) – Il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, ha chiesto garanzie diplomatiche per potersi recare in Svezia e rispondere alle accuse di abusi sessuali presentate da due donne. Assange si è detto disposto ad andare a Stoccolma, ma teme che le autorità  locali lo consegnino agli Stati Uniti, paese in cui è accusato di spionaggio e cospirazione per l’attività  del suo sito internet. “Alla fine, potrebbe essere solo una questione di garanzie, quelle che Regno Unito, Stati uniti e Svezia sono disposti ad assicurare”, ha detto Assange dall’ambasciata dell’Ecuador a Londra, dove si è rifugiato.

“Ad esempio, se gli Stati uniti facessero cadere ogni indagine del grand jury e ogni eventuale futura inchiesta su WikiLeaks, questa sarebbe una garanzia importante per me”, ha insistito Assange.

(fonte Afp)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti