Nasdaq: Ceo, ‘l’arroganza’ ha contribuito a flop Facebook

PALO ALTO (MF-DJ)–“L’arroganza” e la “presunzione” dello staff del Nasdaq hanno contribuito hai problemi della Ipo di Facebook dello scorso mese.
Lo ha dichiarato il Chief Executive Officer di Nasdaq Omx Group Robert Greifeld.
Greifeld ha spiegato che Nasdaq ha condotto dei test sui suoi sistemi diverse volte prima della Ipo del 18 maggio, simulando volumi maggiori di quelli che si sono effettivamente registrati. Eppure, Nasdaq era impreparata al numero in crescita della cancellazione degli ordini, aggiunge il Ceo.
I problemi di Nasdaq hanno causato un ritardo di 30 minuti all’avvio degli scambi di Facebook. Quando il titolo ha debuttato sul mercato, gli investitori hanno riscontrato problemi del completare e nel cancellare ordini. Complessivamente, gli investitori hanno perso oltre 500 mln usd in azioni Facebook che non volevano, che non sono riusciti a vendere o che avrebbero voluto ricomprare.
Il sistema Nasdaq, continua Greifeld, ha gestito con successo 480 Ipo negli ultimi 5 anni, ma non era preparata alle diverse tendenze di una delle maggiori Ipo di sempre, quella di Facebook.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti