Scelte del mese

26 giugno 2012 | 9:29

Sorrisi e veleni

La batosta che Radiomonitor ha dato a Radio Rai era nell’aria. E il 4 giugno, quando nella sede milanese di via Monte Rosa Gfk Eurisko ha presentato gli attesissimi risultati della rilevazione colmando un vuoto di tre anni lasciato da Audiradio, è toccato a Michele Gulinucci, responsabile palinsesto e ricerche di Via Asiago, l’ingrato compito di rispondere al fuoco di domande scatenato dai giornalisti.
L’anteprima dei dati – un mix di rilevazioni telefoniche e meter che ha coinvolto 17 emittenti nazionali e 297 locali – ha infatti catapultato Radio1 al quinto posto in classifica dopo avere dominato per anni la classifica Audiradio. Gli ascolti del Primo canale sono precipitati dagli oltre sei milioni del 2009 agli attuali quattro e mezzo. Ne escono molto ridimensionate anche Radio2 e Radio3.   Sul podio come più ascoltata d’Italia sale Rtl 102.5 che porta a 6,6 milioni i suoi ascoltatori quotidiani distanziando di molto (oltre un milione di contatti) Deejay e, altra grande affermazione, Radio 105. Segue un gruppetto di tre big player da 4 milioni di ascoltatori – Rds, Radio1 e Radio Italia – che staccano nettamente gli inseguitori di dimensioni più contenute.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 429 – giugno 2012