Scelte del mese

26 giugno 2012 | 9:31

Diamo un’anima a un’azienda d’asfalto

Autostrade per l’Italia sta per lanciare un’importante campagna di comunicazione con l’obiettivo di conquistare un miglior rapporto con l’opinione pubblica raccontando agli italiani il valore di una realtà  che macina utili, fa investimenti e punta ai mercati internazionali. Francesco Delzìo, dall’inizio dell’anno direttore delle relazioni esterne, affari istituzionali e marketing della società , ne anticipa i contenuti.
“Vogliamo fare di Autostrade per l’Italia”, afferma Delzìo, “un campione nazionale dal punto di vista dell’immagine e della reputazione. Non più il rentier, il monopolista che si limita ad acquisire il pedaggio al casello, ma il campione nazionale, il primo investitore privato in Italia, il grande inventore di tecnologie come il Tutor e il Telepass: il player industriale che usa le risorse acquisite sui mercati internazionali per investire in Italia”.
Sono cose che gli opinion leader e gli investitori conoscono bene ma che il grande pubblico spesso ignora. Per questo la società  guidata da Giovanni Castellucci (amministratore delegato) e Fabio Cerchiai (presidente) vuole ampliare il target della sua comunicazione a tutti gli italiani: “Un punto chiave”, prosegue Delzìo, “è sviluppare la nostra capacità  di marketing, costruendo un rapporto con gli automobilisti e gli autotrasportatori che oggi non si percepiscono come clienti, considerano le autostrade tutte uguali (spesso ignorando che in Italia ci sono diversi gestori autostradali) e quindi rischiano di non avere la percezione del valore aggiunto che ottengono nel momento in cui utilizzano una infrastruttura di Autostrade per l’Italia”.
La campagna di comunicazione istituzionale, che sta partendo in questi giorni su tv, radio, stampa, web e affissioni, è stata curata da Leo Burnett; il centro media è Ucc, United Colors Communication.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 429 – giugno 2012