Maneggiare con cautela

Le regole interne delle principali testate internazionali sull’uso consapevole di Twitter e degli altri social network. Utili anche per evitare le disavventure capitate a diversi giornalisti, in Italia e all’estero.
Sandro Ruotolo, inviato della trasmissione ‘Servizio pubblico’, ha suscitato un vespaio di polemiche, giorni fa, per aver pubblicato su Twitter nome e cognome del ‘mostro di Brindisi’, salvo scoprire dopo alcune ore che il presunto attentatore in realtà  non c’entrava con la strage davanti alla scuola Morvillo Falcone. Di fronte alle reazioni indignate di molti sulla Rete, Ruotolo ha fatto spallucce. L’episodio dimostra comunque che maneggiando i social media in modo troppo disinvolto e senza le dovute cautele, anche i giornalisti più esperti possono incappare in spiacevoli infortuni.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 429 – giugno 2012

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’ è in edicola con ‘Prima Comunicazione’. La guida festeggia 30 anni e lancia il progetto W l’Italia

L’edizione 2018 del ‘Grande Libro dello Sport e Comunicazione’ in edicola, allegata a ‘Prima’, e disponibile in digitale

Fatti del mese – Pagina 13 corretta