Uci digitalizza e punta agli 8 milioni di euro

C’è voluto un investimento complessivo di 25 milioni di euro per digitalizzare tutto il circuito cinematografico italiano di Uci: 40 multisale, per 428 schermi, che dalla fine di maggio hanno abbandonato la pellicola per essere interamente gestiti in tecnologia digitale, dai proiettori Nek 2k che assicurano un’ottima qualità  (sei sale hanno addirittura il 4k) ai film scaricati via satellite e immagazzinati su server. Il prossimo step sarà  la centralizzazione delle attività  di tutte le sale del circuito a Pioltello, sede di Uci Cinemas (gruppo Odeon & Uci Cinemas).
“La digitalizzazione è un passaggio necessario per essere più efficienti e offrire una migliore qualità  del servizio”, dice Andrea Stratta, amministratore delegato di Uci Italia, “questa tecnologia offre anche la possibilità  di diversificare i contenuti e di rendere più flessibile la programmazione”.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 429 – giugno 2012

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’ è in edicola con ‘Prima Comunicazione’. La guida festeggia 30 anni e lancia il progetto W l’Italia

L’edizione 2018 del ‘Grande Libro dello Sport e Comunicazione’ in edicola, allegata a ‘Prima’, e disponibile in digitale

Fatti del mese – Pagina 13 corretta