CINA: GIORNALISTI,DIMUNISCE LIBERTA’ ESPRESSIONE A HONG KONG

(ANSA) – HONG KONG, 26 GIU – E’ diminuita negli ultimi anni a Hong Kong la libertà  di stampa e di espressione. Secondo un sondaggio effettuato dall’Associazione giornalisti di Hong Kong (Hkja), la situazione sarebbe nettamente peggiorata durante il mandato del capo dell’esecutivo uscente, Donald Tsang. Oltre il 92% dei giornalisti interpellati dall’associazione ha dichiarato di ritenere che la libertà  di stampa sia stata recentemente ostacolata dai funzionari governativi, che hanno esercitato una stretta presa sul flusso di informazioni. Quattro su cinque dei 663 intervistati, tra i quali giornalisti, fotografi e direttori di testate, hanno detto che il grado di libertà  dei media nel territorio di Hong Kong è peggiorato durante il mandato di Tsang. Convinzione che ora appartiene all’ 86,9% delle persone intervistate: ben 28,5 punti percentuali in più rispetto a un sondaggio simile effettuato cinque anni fa. “Questo è un risultato scioccante – ha detto Mak Yin-ting, presidente dell’Hkja, a una ong che si occupa di libertà  di stampa – è una situazione molto preoccupante e questo è un colpo mortale, perché il governo di Hong Kong è il più grande detentore di informazioni”. Per il 57% degli intervistati i giornalisti hanno un limitato accesso alle informazioni da parte della polizia e delle altre forze dell’ordine e autorità . Esiste poi, come ha sottolineato anche la presidente Mak, un problema di autocensura, nel senso che secondo il 71% dei giornalisti intervistati almeno il 40% ha smesso o limitato di dare notizie negative o che potessero mettere le autorità  in cattiva luce. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari