Editoria: governo battuto al Senato su emendamento quote rosa in cdr

(ASCA) – Roma, 27 giu – Il governo e’ stato battuto in Aula al Senato su un emendamento della relatrice Marilena Adama del Pd (l’altro relatore, Lucio Malan del Pdl si era rimesso all’Aula) al decreto editoria, relativo alle quote rosa nei cdr, cioe’ gli organismi sindacali dei giornali. A fronte di un parere favorevole del governo, l’assemblea di Palazzo Madama ha respinto l’emendamento con 121 voti favorevoli, 119 contrari e 12 astenuti, che al Senato valgono voto contrario. L’emendamento della senatrice Adamo, ispirato alla difesa dell’equilibrio di genere negli organismi aziendali, prevedeva che i contributi pubblici oggetto del decreto alla stampa di partito e alle cooperative venissero ”incrementati fino al 10% quando il comitato di redazione e’ composto da persone dello stesso sesso in misura non superiore ai due terzi, con arrotondamento all’unita’ superiore”.
njb /njb /njb

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari