Editoria: Pd, no a quote rosa è segno di conservatorismo

(ASCA) – Roma, 27 giu – ”Ancora una volta l’ostracismo maschilista fa capolino quando si tratta, in Parlamento, di prendere decisioni che vanno nella direzione di una effettiva parita’ di genere”. Cosi’ i senatori Pd commentano la bocciatura dell’emendamento per l’introduzione delle quote rosa nei Cdr delle redazioni giornalistiche avvenuta poco fa nell’Aula del Senato che si sta occupando di editoria. ”La bocciatura di questo emendamento – sostiene la senatrice Maria Fortuna Incostante – che ha avuto il parere favorevole del governo ed e’ stato fortemente voluto da noi senatrici del Partito democratico e di molte colleghe del Pdl, e’ l’ennesima prova che al momento dei fatti emerge la volonta’ conservatrice da parte di alcuni di opporsi ad ogni possibile forma di partecipazione reale delle donne nei luoghi decisionali”.
com-njb /com-njb /com-njb

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari