RAI: ASSEMBLEA CDR, “INACCETTABILI RITARDI, VERSO SCIOPERO”

(AGI) – Roma, 27 giu. – “La Rai non puo’ aspettare piu’. Ha bisogno di un immediato rilancio, di scelte di trasformazione, di una rapidissima ripartenza”. L’assemblea nazionale dei comitati di redazione Rai, in un documento approvato all’unanimita’, ritiene “grave il rinvio delle nomine ieri in commissione di vigilanza, con vertici designati che non riescono ad insediarsi e governo aziendale uscente, che resta li’ senza legittimazione dopo aver portato sull’orlo del baratro la Rai”. “Ogni giorno in piu’ di loro permanenza – aggiunge il comunicato – rappresenta un danno per il servizio pubblico radiotelevisivo All’esecutivo Usigrai, su richiesta del segretario,l’assemblea conferisce il mandato a ogni forma di protesta, ivi compreso lo sciopero da proclamarsi immediatamente se si realizzassero ulteriori atti dilatori, intollerabili e inaccettabili. Il governo che sulla vicenda ha fatto le sue mosse ormai gia’ 20 giorni fa, rinunciando per suo quieto vivere all’indispensabile riforma della governance, ripensi anche a questa opportunita’ ed in ogni caso assuma come obbligo quello di garantire al piu” presto la ripresa della funzionalita’ della Rai, azienda chiave per la democrazia nel Paese e bene comune appartenente ai cittadini”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi