Editoria

27 giugno 2012 | 14:54

EDITORIA: IN DL NOVITA’ DA WEB A ‘SALVA-MANIFESTO’

NEL PROVVEDIMENTO ANCHE NORME SU NON PROFIT E GIORNALI ESTERO

(ANSA) – ROMA, 27 GIU – Il decreto editoria approvato in Senato prevede una serie di misure che, in attesa di una più complessiva ridefinizione delle forme di sostegno al settore, puntano a razionalizzare l’utilizzo delle risorse attraverso meccanismi che correlano il contributo per le imprese editoriali agli effettivi livelli di vendita e di occupazione professionale. Diverse le novità  entrate nel testo durante la discussione a Palazzo Madama. Eccole in pillole: CORRELAZIONE TRA COPIE VENDUTE E DISTRIBUITE – Scende dal 30 al 25% (attualmente è al 15%) la percentuale relativa al rapporto tra le copie vendute e quelle distribuite necessaria per accedere ai contributi. Per le testate locali la quota è del 35%. Vengono considerate testate nazionali quelle che sono distribuite in almeno tre regioni. ABBONAMENTI AD AGENZIE – Nell’ambito del computo del contributo alle testate, il 50% è calcolato in base ai costi per il personale dipendente, per l’acquisto della carta, della stampa ma anche per gli abbonamenti ai notiziari delle agenzie di stampa. AIUTI A ONLUS – Sconti sulle tariffe postali per l’editoria non profit. GIORNALI PUBBLICATI ALL’ESTERO – Arriva un contributo di 2 milioni di euro annui per i periodici italiani pubblicati all’estero. WEB – Le piccole testate online (che abbiano ricavi annui da attività  editoriale non superiori a 100mila euro) non sono obbligate alla registrazione. La pubblicità  online viene fatta rientrare nel paniere dei ricavi del Sic, su cui si applica il tetto ‘anti posizioni dominanti’ del 20%. RADIO RADICALE – L’emittente mantiene, salvo verifiche, per intero il contributi relativi all’anno 2010. SALVA-MANIFESTO – Le cooperative editoriali non dovranno rispettare il requisito di 5 anni dalla loro costituzione nel caso di subentro o acquisto di una testata e dunque per accedere ai contributi per l’editoria.(ANSA).