TLC

29 giugno 2012 | 9:45

TI Media/ Stella lascia incarico AD e vicepresidente

Cda esamina evoluzione percorso riassetto societario
Roma, 28 giu. (TMNews) – Il Cda di Telecom Italia Media ha esaminato l`evoluzione del percorso di trasformazione organizzativa e societaria del gruppo, assumendo alcune decisioni di riassetto dell`organizzazione direzionale e della governance aziendale.
Al fine di garantire il miglior presidio della gestione e razionalizzazione delle attività  del gruppo, Giovanni Stella ha ritenuto di rinunciare alle cariche di vicepresidente esecutivo e amministratore delegato del gruppo, mantenendo la carica di consigliere e rendendosi disponibile a focalizzarsi in particolare sulla gestione delle attività  televisive anche al fine di valorizzare incrementalmente questo asset.
Alla luce della decisione di Stella è stata rivista la struttura delle deleghe; conseguentemente, il Cda ha attribuito al presidente Severino Salvemini la responsabilità  della gestione strategica e del governo complessivo del gruppo TI Media, nonché la gestione delle operazioni straordinarie e la definizione – in esecuzione degli indirizzi stabiliti dal Cda – del sistema di controllo interno; al consigliere Giovanni Stella la responsabilità  della gestione operativa delle attività  televisive del gruppo; al direttore generale Marco Ghigliani la responsabilità  di assicurare l`esecuzione degli indirizzi strategici del gruppo, le attività  di indirizzo e controllo complessivo nei confronti delle aree di business e delle società  controllate, la gestione e il coordinamento dell`operatore di rete e delle attività  trasversali di supporto.
In considerazione delle nuove responsabilità  attribuitegli e della modifica della sua qualifica di consigliere indipendente, il presidente Salvemini ha rassegnato le proprie dimissioni da componente dei comitati di controllo interno e di remunerazione.
Il Cda ha pertanto nominato Sergio Ristuccia nel comitato per il controllo interno e per la corporate governance e Lorenzo Gorgoni nel comitato per la remunerazione.
Infine, il Cconsiglio ha preso atto delle dimissioni dei consiglieri Alessandro Ovi e Mario Zanone Poma, ringraziandoli per il prezioso contributo prestato nel lungo periodo in cui hanno svolto il ruolo di membri del Cda.