Le previsioni di AssoComunicazione per la raccolta pubblicitaria 2012

Secondo le previsioni di AssoComunicazione continua la crisi del mercato pubblicitario.
Le previsioni di chiusura per il 2012 vedono gli investimenti pubblicitari sui media tradizionali in calo del 7%. Unica eccezione la radio commerciale che argina le sue difficoltà  passando dal -9% del 2011 al -3% del 2012.
Non si arresta invece l’ascesa dei media digitali con internet che cresce del 12,7%. In particolare sono i mezzi digitali audiovisivi ad essere più in salute, facendo prevedere una crescita del 13,7%.
Questi in sintesi alcuni dei dati presentati a Milano il 29 giugno 2012 da Assocomunicazione in occasione dell’incontro ‘Comunicare domani 2012’.

– Sintesi dei risultati (.doc)

– Comunicare Domani: la ricerca (.xls)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

RepTrak 2018: Ferrero azienda con la migliore reputazione in Italia. Seconda Ferrari

Il 40% del valore della pubblicità mondiale è digitale. Zenith: quest’anno +13,7%

Le linee broadband di rete fissa raggiungono i 16,4 milioni di unità. Mentre si vendono poco più di 3 milioni di quotidiani in Italia (-11%). E trascorriamo più di un’intera giornata al mese su Facebook