New media

03 ottobre 2012 | 9:28

APPLE: SAMSUNG CONTRATTACCA, IPHONE 5 VIOLA 8 BREVETTI

E TRIBUNALE CALIFORNIA AUTORIZZA VENDITA GALAXY TAB 10.1

(ANSA) – NEW YORK, 2 OTT – Nessuna tregua tra Apple e Samsung. La guerra dei brevetti continua senza esclusione di colpi. E stavolta sono i sudcoreani ad andare al contrattacco. Nel mirino c’é l’iPhone 5, l’ultimo gioiello della casa di Cupertino: l’accusa al gruppo fondato da Steve Jobs è di aver ‘copiato’ alcune delle innovazioni Samsung, violando ben otto brevetti. In particolare, sulla base della denuncia che Samsung aveva già  preannunciato subito dopo l’uscita dell’iPhone 5, tra le tecnologie ‘rubate’ ci sarebbero quelle relative alla trasmissione wireless dei dati. I giudici della Corte distrettuale di San José, in California – gli stessi che ad agosto hanno condannato Samsung a pagare un miliardo di dollari alla Apple – avranno dunque ancora un bel da fare per dirimere una questione di vitale importanza per i due gruppi, sempre più in rotta di collisione. Del resto la posta in gioco è alta: il predominio sul mercato in grandissima espansione degli smartphone e dei tablet. “Noi abbiamo sempre preferito competere sul mercato con i nostri prodotti innovativi piuttosto che competere nelle aule di tribunale”, affermano i vertici di Samsung, sottolineando però come loro malgrado “Apple continua ad adottare misure legali aggressive che limitano la concorrenza”. Per questo – attacca il colosso di Seul, cui ancora brucia la batosta dello scorso agosto – “in queste circostanze non possiamo fare altro che adottare tutte le misure necessarie per proteggere le nostre innovazioni e i nostri diritti di proprietà  intellettuale”. Una guerra interminabile, dunque, che rischia di allargarsi sempre più, coinvolgendo anche altre aziende. Intanto dalla stessa Corte californiana che un mese fa ha condannato Samsung al mega-risarcimento stavolta arrivano buone notizie per la casa sudcoreana: potrà  vendere negli Stati Uniti il Galaxy Tab 10.1, il modello che a fine giugno era stato bloccato in seguito alla richiesta di interdizione provvisoria avanzata dalla Apple. Una richiesta anche questa motivata da presunti brevetti ‘rubati’. Ma secondo i giudici californiani il Galaxy Tab 10.1 non infrange alcun brevetto sul design, come sosteneva la casa della Mela. “E’ la dimostrazione – ha commentato con soddisfazione Samsung – che la richiesta di interdizione era del tutto ingiustificata”.(ANSA).