CINEMA: DAL 4 OTTOBRE I FILM ESCONO IL GIOVEDI’

UN’INIZIATIVA VOLUTA DA DISTRIBUTORI ED ESERCENTI

(ANSA) – ROMA, 2 OTT – Il prossimo 4 ottobre prende il via l’iniziativa che vede nel giovedì il giorno di prima uscita dei film nelle sale di tutto il territorio nazionale. A decidere di unificare il giorno di uscita sono stati distributori ed esercenti cinematografici con l’obiettivo di migliorare i risultati di mercato, estendendo il fine settimana e favorendo la valorizzazione delle prime. La partenza dell’iniziativa coincide con i recenti segnali positivi del mercato con un mese di settembre dagli ottimi risultati: un incremento, rispetto al 2011, del 37% delle presenze, passate da 6,2 milioni a 8,3 milioni, e del 40% degli incassi che hanno raggiunto i 56,8 milioni di euro a fronte dei 40,6 milioni del 2011. Si tratta inoltre del miglior mese di settembre degli ultimi cinque anni. “Abbiamo preso questa decisione – ha dichiarato Richard Borg, presidente dei distributori dell’Anica – per ridare forza a una giornata, quella del giovedì, che può contribuire, con le prime, a far crescere il mercato. Avremo così un week-end più lungo”. “Unificare il giorno di uscita dei film – ha aggiunto Lionello Cerri, presidente Anec, associazione nazionale esercenti cinema – permetterà  di valorizzare le prime, rendendo più semplici ed efficaci le attività  promozionali, ad esempio organizzando nei singoli locali un ‘Club delle Prime’ con inviti e facilitazioni. Questo nuovo appuntamento, inoltre, insieme con il mercoledì a prezzo ridotto, intensificherà  il rapporto di fidelizzazione con il pubblico”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo