Media: Censis-Ucsi, cresce ruolo Internet nel mercato pubblicitario

(ASCA) – Roma, 3 ott – Cresce il ruolo di Internet nel mercato della pubblicita’. E’ quanto emerge dal 10* Rapporto Censis/Ucsi sulla comunicazione, promosso da 3 Italia, Mediaset, Mondadori, Rai e Telecom Italia, presentato oggi a Roma presso la Sala Capitolare del Senato da Giuseppe De Rita e Giuseppe Roma, Presidente e Direttore Generale del Censis, e da Renato Schifani, Presidente del Senato della Repubblica. In una fase di prolungata contrazione degli investimenti pubblicitari che ha colpito tutti i media, Internet e’ l’unico mezzo ad aver incrementato il volume della raccolta pubblicitaria: +12,3% nel 2011 rispetto all’anno precedente, arrivando a 636 milioni di euro. La fetta di mercato del web e’ ancora ridotta (il 7,4% del totale), e la gran parte della torta rimane al mezzo da sempre dominante (la tv assorbe il 53,6% dell’intero budget), ma la pubblicita’ veicolata via Internet risulta capace di influenzare le scelte dei consumatori. In Internet le persone possono costruirsi una sorta di pubblicita’ ”fai da te”, on demand, interattiva: cliccando sui banner quando hanno tempo e voglia e approfondendo le informazioni sui siti delle aziende commerciali (lo fa il 37,1% degli utenti web), cercando autonomamente pareri e feedback su un prodotto o un servizio nelle community online e nei forum di discussione prima di procedere all’acquisto (19%), cercando sui siti di e-commerce come eBay (13,4%) o sui portali di acquisto come Groupon (10,9%), rintracciando recensioni video su YouTube (11,2%) o confrontandosi con gli amici nei social network (10,5%). Non a caso, la pubblicita’ che in generale viene apprezzata di piu’ e’ quella che informa (54%), poi quella che diverte (39%) e quella che emoziona (7%). Negli ultimi dodici mesi il 24% degli italiani ha acquistato un prodotto o un servizio grazie alla segnalazione pubblicitaria vista in televisione. Ma al secondo posto per capacita’ di influenza viene proprio Internet: il 13,6% degli italiani ha fatto acquisti grazie alla re’clame vista sul web.
com-dab/ /

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Liberare le frequenze sopra i 700 Mhz entro il 2020 dai segnali tv. Le mosse dell’Unione Europea per apire il mercato al 5G