Editoria

04 ottobre 2012 | 15:30

GIORNALISTI: CRISI PEGGIORA, SOLO UN QUINTO TROVA LAVORO

ANSELMI, PUNTARE SUL MERITO; NATALE, SI ACCEDA SOLO DA SCUOLE

(di Michele Cassano) (ANSA) – ROMA, 4 OTT – Ogni anno arrivano sul mercato mille nuovi giornalisti, di questi non più di 200 trovano lavoro. Ora con la crisi che peggiora, cinque testate chiuse negli ultimi mesi, oltre 200 giornalisti in cassa integrazione, i problemi legati all’accesso alla professione si fanno sempre più pressanti. Il tema è stato al centro dell’incontro ‘Giornalista, un mestiere in un mercato senza merito?’, organizzato per i venti anni della Scuola di giornalismo di Perugia e aperto con un messaggio di saluto del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Direttori, editori, manager e sindacato si sono confrontati sull’argomento, scontrandosi sull’opportunità  o meno di eliminare il praticantato e consentire l’accesso solo attraverso le scuole. Un’idea lanciata dal direttore di Rai Parlamento, Gianni Scipione Rossi, sostenuta dal presidente della Fnsi, Roberto Natale, anche per limitare gli ingressi, ma contestata dal direttore de Il Tempo, Mario Sechi, secondo il quale “é un’ipotesi illiberale, che esclude i talenti irregolari”. Anche il dg della Rai, Luigi Gubitosi, pur sottolineando la centralità  per la tv pubblica della Scuola di Perugia, ha poi precisato che “la frequentazione della scuola non può essere un vincolo”. Un tema caro alle decine di giovani presenti al convegno, che oltre alle tradizionali difficoltà  di ingresso in un settore da sempre legato al potere, devono ora fare i conti con una crisi che chiude ancor più le porte. “Non è vero che non esiste merito in assoluto – ha detto il presidente Fieg, Giulio Anselmi -. Io ho assunto una quantità  di persone per merito, il problema dell’Italia è però il capitalismo relazionale che si ripercuote su tutto. Occorre reinventare la professione, puntare sulla qualità . Per questo nella Fieg è nata la commissione per la formazione, per lavorare insieme al sindacato”. “Noi abbiamo 400 giornalisti, tanti giovani e appassionati – ha affermato l’ad di Sky Italia, Andrea Zappia -. Non solo gli editori, ma anche i giornalisti devono avere la voglia di mettersi in gioco”. Nel mirino è finito il sindacato. “Quando si difendono tutti allo stesso modo – ha detto Gubitosi -, ciò non aiuta la meritocrazia”,. “I modelli che ci sono ora non reggono più – ha affermato il direttore dell’ANSA, Luigi Contu -. Devono avere coraggio gli editori e dobbiamo avere coraggio noi nell’aprire le redazioni. Serve una flessibilità  più ampia che in passato”. Contu ha quindi invitato all’ottimismo, sostenendo che “il mestiere ha ancora senso, ha un futuro”, proprio come Giovanni Floris, secondo il quale “i sistemi quando traballano creano varchi e questo è un momento d’oro per gli outsider”. Meno ottimismo è trapelato dalle parole di Natale, che ha ricordato “l’esercito dei collaboratori pagati pochi euro a pezzo”, sostenendo la necessità  della legge sull’equo compenso, e spinto per l’approvazione della legge sull’editoria, in discussione in Parlamento. Il direttore di Radio Uno, Antonio Preziosi, ha sottolineato che “dietro la tecnologia ci sono persone”, che “l’umanità  deve caratterizzare il nostro lavoro”. Per il vicedirettore de Il Corriere della Sera, Antonio Macaluso, “bisogna fare autocritica, i giornali sono troppo vecchi. Il problema è trovare il modo di fare entrare i giovani”.(ANSA).