Televisione

09 ottobre 2012 | 9:18

RAI: MEDIOBANCA,DA SOLA PIU’ ADDETTI MEDIASET,SKY E TI MEDIA

NEL QUINQUENNIO PERDE CONFRONTO RICAVI, AUMENTA SOLO CANONE

(ANSA) – MILANO, 8 OTT – Prima per numero di dipendenti ma non per risultati, con un fatturato in deciso calo nell’ultimo quinquennio. La fotografia scattata dall’Ufficio Studi di Mediobanca mostra una televisione pubblica appesantita dal numero di dipendenti e in difficoltà  nel trovare forme di ricavi che non siano il solito canone televisivo. In forza alla Rai, alla fine del 2011, c’erano 11.378 lavoratori, più dei 10.830 totalizzati da Mediaset (6.126), Sky Italia (3.995) e Ti Media (709) messe insieme. Nel 2011 il costo del lavoro ha rappresentato il 35,6% del fatturato contro il 13,4% di Mediaset, il 7,3% di Sky e il 25,7% di Ti Media. Nonostante 1.689 milioni di euro di canone, i ricavi della della Rai nel 2011 si sono fermati a 2,89 miliardi di euro, ben lontani dai 4,2 miliardi di Mediaset e poco sopra i 2,8 miliardi di Sky Italia. Nel quinquennio 2007-2011 tra le fonti di ricavo della Rai l’unica ad aumentare è il canone, con introiti saliti del 7,8%, mentre la pubblicità  è scesa del -21,9% (da 1,23 miliardi a 965 milioni) e gli altri ricavi del 30,9% (da 350 a 242 milioni). I ricavi della televisione pubblica sono così scesi dell’8,1%, contro un aumento del 4,3% di quelli di Mediaset e del 15% di Sky Italia. Per la sola La7 i ricavi sono aumentati del 44,8% (-9,2% per tutto il gruppo Ti Media). Il primo semestre 2012 della Rai, chiuso con una perdita di 129 milioni, ripropone la stessa situazione: i dipendenti sono saliti dell’1,7% a 11.569 unità  mentre il fatturato è sceso del 7,1% a 1.433 milioni. Il quadro è comunque difficile per tutti: l’utile di Mediaset si è ridotto da 163 a 43 milioni e i ricavi sono scesi del 10,7%, mentre per La7 il contenimento del calo del fatturato (-1,4%), non ha impedito una perdita di 37 milioni. Non sono invece disponibili i dati di Sky sul primo semestre 2012. (ANSA).