Televisione

09 ottobre 2012 | 9:25

CALCIO: SERIE B DIVENTA TV, CAMPIONATO IN ONDA SU DIGITALE

IN PARTNERSHIP CON EUROPA7, ‘SPERIAMO CI SEGUA ANCHE LA SERIE A’

(ANSA) – MILANO, 8 OTT – Il primo obiettivo resta “riempire gli stadi”, ma la Lega di serie B si lancia in una nuova avventura, diventando produttore televisivo del suo campionato. Da sabato con Juve Stabia-Bari, infatti, inizierà  a trasmettere Serie B Tv, realizzata sul digitale terrestre di seconda generazione grazie alla tecnologia di Europa7, nove canali sui cui andranno in onda in diretta tutte le partite del campionato di serie B, esclusi un anticipo e un posticipo di ogni giornata, oltre a repliche e highlights nel resto della settimana. “Mentre tutto sembra implodere – ha spiegato il presidente della Lega di serie B Andrea Abodi -, stringendo i denti rilanciamo e intraprendiamo un percorso in un settore delicato, dove altri hanno avuto epiloghi poco dignitosi. Come Dahlia Tv, che ha chiuso le serrande a metà  stagione: noi non lo faremo”. Al fianco della Lega di serie B c’é Europa7, presieduta da Francesco Di Stefano, protagonista negli anni scorsi di una lunga battaglia per le assegnazione delle frequenze concesse a Rete4. “Non ho avuto giustizia, è stato uno dei periodi peggiori della mia vita ma – ha notato Di Stefano – qui è l’inizio di una nuova avventura”. Che potrebbe coinvolgere anche la Lega di Serie A. “Spero che la serie A ci segua velocemente con il pacchetto ex Dahlia – ha confermato Di Stefano -, e parleremo anche con chi ha i diritti di Formula1 e Moto Gp. La nostra tecnologia si presta per essere sfruttata direttamente dal produttore dell’evento. Negli Usa chiamavano tecnologia morta il digitale terrestre di prima generazione; quello di seconda aumenta notevolmente la quantità  e migliora la qualità : la nostra sarà  migliore dell’alta definizione di Sky e fra qualche tempo mostreremo una partita di serie B in 3D”. Di Stefano ha fissato “il punto di pareggio fra tre anni, a 10 milioni di euro di ricavi”. La Lega di serie B (che intanto ha venduto i diritti tv ad Al Jazeera e Espn per il Sudamerica) “parteciperà  della ricchezza generate dallo sviluppo tecnologico”, ha precisato Abodi presentando Serie B Tv, che sarà  diretta da Massimo Caputi e secondo le stime avrà  “un bacino potenziale di 100-150.000 fra abbonati e fidelizzati”. “Non puntiamo ai numeri ma soprattutto a un rapporto di qualità  con i nostri abbonati, tanti o pochi che siano – ha detto Abodi -. Il primo obiettivo è riempire gli stadi, quindi Serie B Tv riserva promozioni agli abbonati delle 22 squadre, ai fidelizzati sui social network ‘seriebwin’ e a chi acquista televisori con T2 integrato presso la grande distribuzione”. (ANSA).