Editoria

09 ottobre 2012 | 10:21

BUCHMESSE: ITALIA PROTAGONISTA NEL SETTORE LIBRI PER RAGAZZI

(AGI) – Francoforte, 9 ott. – Si inaugura questa sera alle 17 la 64ma edizione della Buchmesse, la Fiera del Libro di Francoforte, alla presenza del ministro degli Esteri, Guido Westerwelle, e del vicepremier neozelandese, Simon William English, il cui Paese e’ l’ospite annuale di turno. Nella piu’ grande rassegna libraria del mondo, con 7.300 espositori arrivati da 120 Paesi, l’Italia svolgera’ quest’anno un ruolo di primo piano. Il focus di questa edizione sara’ infatti sui media digitali e sulla letteratura per bambini, per questo la Buchmesse ospitera’ “Leggevo che ero. Ritratti con libro d’infanzia”, un progetto della rivista Andersen con BolognaFiere, in collaborazione con l’associazione italiana editori. Si tratta di una rete di realta’ attive sul fronte della promozione della lettura, che sara’ allestita in uno spazio di 70 mq, una mostra che ha visto il suo debutto mondiale in occasione di Bologna Children’s Book Fair 2012. Il settore dei libri per ragazzi rappresenta il segmento di maggior successo internazionale dell’editoria italiana, non solo nella vendita di diritti, cresciuti del 25%, ma anche nelle coedizioni, arrivate a 1.108. La Nuova Zelanda, dove il primo libro venne stampato solo nel 1830, sbarca a Francoforte con una settantina di scrittori, mentre grazie alla presenza alla Buchmesse sono stati tradotti in Germania una sessantina di titoli, rispetto all’abituale decina. Intanto ieri il “Boersenverein”, l’associazione dei librai tedeschi, ha assegnato il premio letterario dell’anno, il “Deutscher Buchpreis 2012″, alla scrittrice berlinese Ursula Krechel per il suo “Landgericht”, il tribunale, il cui protagonista e’ il giudice ebreo Richard Kornitzer, tornato in Germania dopo dieci anni di esilio a causa del regime nazista, ma che fa fatica a ritrovare il suo posto nella societa’ tedesca del dopoguerra. Nell’accettare il premio, l’autrice ha spiegato che per lei si e’ trattato di “un indennizzo personale alle vittime del nazismo”, aggiungendo che “ancora oggi molti attendono il riconoscimento giuridico delle loro sofferenze, per non parlare dell’indennizzo materiale”. Nel giorno della chiusura della Buchmesse, il 14 ottobre, verra’ consegnato nella Paulskirche di Francoforte il “Friedenspreis”, il premio della pace dei librai tedeschi, allo scrittore e dissidente cinese Liao Yiwu.