VOLANTINI ALITALIA SU TRENI: FS, SEGUITE REGOLE NON CORRETTE

‘AZIENDA NON E’ STATA AVVERTITA, NON ESISTE UN CONTRATTO’

(ANSA) – ROMA, 9 OTT – “Noi non siamo stati avvertiti, non esiste nessun tipo di contratto. E’ stata una vicenda che ha seguito delle regole non corrette e come tale deve essere trattata”. Così, a margine della presentazione della nuova Sala Blu della Stazione Termini, il direttore comunicazioni esterne del gruppo Fs italiane, Daniela Carosio, commenta i volantini pubblicitari Alitalia sui treni Roma-Milano Italo e Freccia Rossa. Nei volantini veniva pubblicizzato il volo Alitalia Roma-Milano con tanto di cifre esplicative “70 minuti, 99 euro”. “Intanto – ha spiegato Carosio – la cosa importante è che qualunque comunicazione che viene fatta sui treni segue delle regole. Noi abbiamo affidato per gara ad una concessionaria la possibilità  di dare a clienti esterni l’opportunità  di comunicare sui nostri treni. Questo viene fatto attraverso delle regole che sono economiche, di controllo del messaggio che viene mandato e così via, come fanno tutte le grandi aziende, la stessa Alitalia e gli aeroporti di Roma”. I volantini sono stati distribuiti ieri sui treni Freccia Rossa e Italo da Roma e da Milano, mentre oggi alle Stazione Termini e Tiburtina di Roma e Centrale e Garibaldi di Milano decine di hostess Alitalia in divisa d’ordinanza distribuiscono ironici depliant pubblicitari: un segnalibro sul quale si spiega che se si sceglie di partire con l’aereo forse s’impiega lo stesso tempo del treno ma con in più un massaggio Shiatsu e un giro shopping in aeroporto con tanto di regalo alla moglie. E in aggiunta un coupon del 20% di sconto per una tratta. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro