Editoria

09 ottobre 2012 | 15:11

Spagna/ Crisi a El Pais, un terzo personale sarà  licenziato

Via in 149 su 466: 128 licenziamenti, 21 prepensionamenti

Madrid, 9 ott. (TMNews) – El Pais, l’autorevole quotidiano spagnolo, vuole licenziare un terzo del personale e tagliare le retribuzioni, per far fronte a una crisi dell’editoria in continuo aumento. Lo hanno annunciato gli stessi dipendenti.

El Pais, proprietà  del gruppo editoriale Prisa, ha annunciato che ci saranno 128 licenziamenti e 21 prepensionamenti, portando a 149 il totale degli esuberi. Lo ha annunciato in un comunicato il comitato di redazione. Tutto il personale avrà  un taglio allo stipendio del 15 per cento, ha aggiunto il comunicato, che definisce il piano “meschino”.

Chi sarà  licenziato riceverà  una buonuscita pari a venti giorni di stipendio per ogni anno lavorato, con un massimo di dodici anni. El Pais, che ha un organico di 466 persone, è nato il 4 maggio 1976, nell’era post-Franco verso la transizione democratica: il piano conferma i gravissimi problemi che attanagliano il mondo dell’informazione in Spagna, dove negli ultimi quattro anni (vale a dire dal 2008) sono stati persi quasi 8mila posti di lavoro.

Quotidiani, radio e tv stanno fronteggiando una grave crisi che ha portato a un crollo delle vendite e un calo delle entrate pubblicitarie, acuiti dalla crescita dell’online. Il personale di El Pais ha però puntato il dito, oltre che sulla crisi economica e del settore, sulla gestione del quotidiano.

Fco

091556 ott 12