WIND: RETE RIMANE, NUOVO PIANO 5 ANNI CON 35 MLN EFFICIENZE

ACCORDO CON SINDACATI, SALVI 1.800 POSTI

(ANSA) – MILANO, 10 OTT – Il progetto di esternalizzazione della Rete di Wind viene ritirato, i lavoratori dovranno ‘stringere la cinghia’ ma i 1.800 posti a rischio saranno tutelati con un nuovo piano a 5 anni che prevede efficienze per 35 milioni di euro ma nessuna societarizzazione o esternalizzazione. “Viene chiesto un sacrificio ai lavoratori – commentano Salvo Ugliarolo della Uil e Giorgio Serao della Cisl dopo una trattativa no-stop di 24 ore con l’azienda – ma questo accordo rappresenta un cambiamento di indirizzo per tutto il settore tlc, è un cambiamento di tendenza. Passa il principio per cui il perimetro societario resta invariato e viene pensato un piano industriale a 5 anni, una lunghezza temporale che ormai nessuna azienda fa più”. L’accordo, firmato da Cgil-Cisl e Uil, passa attraverso una stretta sui benefit ma “a fronte di questo fino a tutto il 2017 la società  internalizza alcune attività  e garantisce che non ci saranno societarizzazioni”. Il piano di esternalizzazione della rete era stato messo a punto da Wind nella primavera del 2011. All’inizio del 2012, con l’intervento del ministero dello sviluppo economico, ‘azienda aveva accettato la sospensione del processo e avviato un dialogo con i sindacati.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci