Usa-Cina/ Pechino: timori su rischi spionaggio tlc “infondati”

Congresso valuta divieto accesso a mercato Usa per aziende cinesi

Pechino, 10 ott. (TMNews) – I timori statunitensi secondo i quali i fabbricanti cinesi di apparecchi per telecomunicazioni rappresenterebbero un rischio per la sicurezza nazionale sono “infondati”: è quanto si legge in un comunicato diffuso dal Ministero del Commercio cinese.  In una bozza di rapporto della Commissione servizi del Congresso statunitense si legge infatti che le tecnologie dei due giganti del settore, i cinesi Huawei e Zte, potrebbero essere utilizzati a fini di spionaggio e racccomanda il divieto per questi gruppi di firmare contratti ed effettuare acquisizioni negli Stati Uniti.  Tali restrizioni potrebbero avere gravi conseguenze specialmente per la Huawei, secondo produttore mondiale del settore che l’annno scorso ha fatturato 1,3 miliardi di dollari sul mercato americano, dove ha acquistato componenti per oltre sei miliardi di dollari.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci